Tutte le notizie

Sono quasi 264mila le assunzioni previste dalle imprese per il mese di novembre, in flessione del 24,3% rispetto all’anno scorso. Scende anche al 10% la quota di imprese che programmano assunzioni, attestata ad ottobre al 13%. Nonostante il clima di grande incertezza, la domanda di lavoro per le figure professionali di operai e artigiani mostra un calo delle entrate programmate più contenuto rispetto alla media (-18,4%). Serio l’impatto sui programmi delle imprese dei servizi turistici, alloggio e ristorazione: -31,8% le entrate programmate rispetto a novembre 2019. Per approfondimenti leggi il comunicato stampa e consulta Excelsior INFORMA e il set di tavole statistiche.

Sono quasi 282mila gli ingressi previsti dalle imprese per il mese di ottobre, in calo del 27,9% rispetto ad ottobre 2019. Sale al 13% la quota di imprese che programmano assunzioni (erano il 10% a settembre). In termini di entrate previste, con rispettivamente circa 50mila e 27mila, i servizi alle persone e le costruzioni sono tra i comparti che tengono meglio rispetto all’anno precedente (-11,6% e -23,2% su ottobre 2019), insieme alle lavorazioni dei minerali non metalliferi (-7,2%), strettamente legate alle costruzioni, e all’industria alimentare (-14,6%). Per approfondimenti leggi il comunicato stampa e consulta Excelsior INFORMA e il set di tavole statistiche

Sono oltre 310 mila le assunzioni previste dalle imprese nel mese di settembre. Rispetto allo stesso periodo del 2019 la riduzione delle entrate programmate si attesta al -28,7%. Un riavvio delle attività in vista dell’autunno particolarmente cauto, quindi, ma segnali di ripresa si evidenziano per le costruzioni e le industrie alimentari. La scarsa domanda sui mercati internazionali penalizza, invece, le prospettive occupazionali del sistema moda, così come quelle della filiera dei turismo sono negativamente condizionate dalla caduta dei flussi turistici dall’estero. Per approfondimenti leggi il comunicato stampa e consulta Excelsior INFORMA e il set di tavole statistiche

L’emergenza non è ancora finita ma le imprese già guardano al domani. Anche se permane un clima di incertezza, sono 600 mila le aziende che contano di recuperare risultati operativi accettabili entro fine anno (circa il 43% del totale delle imprese). Mentre per ulteriori 580 mila (il 42%) bisognerà aspettare il 2021 per superare questo passaggio difficile. Per approfondimenti leggi il comunicato stampa e il dossier di analisi.

Sono circa 200 mila le assunzioni previste dalle imprese nel prossimo mese di agosto. Rispetto allo stesso periodo del 2019 la riduzione delle entrate programmate sarebbe pari a -17,7%, ma la tendenza si presenta in miglioramento se confrontata con quanto osservato nel mese di luglio appena trascorso (quando la caduta tendenziale dei flussi ha raggiunto il valore di -38,6%). Segnali di ripresa arrivano dal settore delle costruzioni, sia nel numero di imprese che assumono sia nelle entrate programmate (quasi 21 mila, in crescita tendenziale rispetto alle 18 mila previste ad agosto 2019). Per approfondimenti leggi il comunicato stampa e consulta Excelsior INFORMA e il set di tavole statistiche.

Tre imprese su quattro hanno mantenuto stabile il numero dei propri occupati nei primi sei mesi del 2020. Circa 290mila invece, pari al 21,3% delle aziende italiane con dipendenti, hanno dovuto ridurre i livelli occupazionali mentre altre 36mila (il 2,6%) li hanno aumentati.
Una prima risposta all’attuale situazione di crisi le imprese la stanno trovando nell’accelerazione dei processi di digitalizzazione: sono 1.036mila quelle che stanno pianificando in questi mesi interventi di digitalizzazione (circa il 75% dell’universo di riferimento, +91mila imprese rispetto agli anni precedenti).
Per approfondimenti leggi il comunicato stampa e il dossier di analisi.

DASHBOARD

Consulta grafici e tabelle sui fabbisogni professionali delle imprese

ACCEDI

INSERISCI IL TUO CV PER FARTI CONOSCERE

CERCA

top