Leggi il documento 

“Il lavoro dopo gli studi ” è una pubblicazione che riunisce le principali evidenze sulle opportunità di lavoro dei qualificati professionali, dei diplomati, di chi ha conseguito diplomi di formazione tecnica superiore e dei laureati: una sintesi delle evidenze prodotte nell’ambito del Sistema Informativo Excelsior a supporto dell’orientamento formativo e lavorativo.

 

La pubblicazione è utile per i giovani che stanno scegliendo quale strada intraprendere per il proprio futuro. Tra le varie opzioni è possibile: cercare subito un lavoro, conseguire un diploma (per chi ha ottenuto la qualifica), iscriversi all’Università o continuare la formazione superiore in un percorso più breve, come gli ITS, gli IFTS o uno dei molti corsi di specializzazione post-diploma che offre il mercato. Il primo dato evidente è che per un lavoratore su due le imprese cercano profili medio-alti e la quota dei lavori offerti ai diplomati e ai laureati è in costante crescita. Il diploma o il post-diploma (ITS) è richiesto dalle imprese a più di un terzo (37%) delle entrate programmate; i posti offerti ai laureati sono il 14%. Complessivamente, le imprese richiedono ai propri candidati almeno una qualifica professionale in 9 casi su 10. Nel volume si evidenziano anche quali sono le entrate di personale per tipo di contratto e livello di istruzione e la loro distribuzione sul territorio, ovvero le assunzioni di laureati, diplomati ITS, diplomati e qualificati per regione, quali sono le opportunità per i giovani fino a 29 anni per livello di istruzione.

Le opportunità di lavoro per titoli di studio

La pubblicazione offre una sintesi con dei focus specifici per i vari titoli di studio. Vi è infatti una specifica trattazione suddivisa per i vari livelli di studio ossia i qualificati professionali, i diplomati, i diplomati tecnico superiori (ITS) e i laureati. In tutte queste sezioni focalizzate sui vari titoli vengono analizzati per ogni livello di studio: - i settori di attività economica con maggiore richiesta di quel titolo - i primi cinque settori manifatturieri e dei servizi con il maggior numero di entrate - gli indirizzi di studio più richiesti - gli indirizzi di studio più rosa (ossia quelli per cui è stata espressa preferenza per il genere femminile nelle entrate programmate) - la distribuzione regionale della richiesta

- gli indirizzi più aperti ai giovani under 30 - gli indirizzi con maggiore richiesta di esperienza pregressa - le professioni più richieste per indirizzo di studio - le competenze trasversali, comunicative digitali e green richieste. Difficoltà di reperimento e lavori introvabili. La pubblicazione si conclude con il capitolo sui cosiddetti “introvabili”, ossia le professioni e i titoli di studio, per i vari livelli formativi, che presentano “difficoltà di reperimento” da parte delle aziende nel mercato del lavoro.

Scarica il pdf del rapporto   il lavoro dopo gli studi 


Licenza Creative Commons
Sistema Informativo Excelsior di Unioncamere-ANPAL, Sistema Informativo Excelsior è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.